La Festa del Gatto
17 Febbraio 2018
Cioccolato, la passione dei golosi
27 Febbraio 2018

Febbraio è un mese di passaggio tra il periodo invernale più duro e il clima primaverile più piacevole, inoltre la sua particolarità è legata al numero di giorni che lo compongono.

Ma ha ispirato anche la nascita di diversi proverbi, come:

« Febbraio, corto e amaro. »
« Febbraio, corto e malandrino. »
« Febbraiuzzo, peggio di tutto. »

Dove nascono i proverbi di Febbraio

In passato, il mese di Febbraio era un mese che creava disagi e preoccupazione in quelle famiglie in cui il proprio sostentamento dipendeva dalle produzioni agricole. La colpa principale era della rigidità del clima invernale che causava penuria di erbe, fieno e mangime che fossero in grado di sostenere gli animali, mentre le provviste alimentari scarseggiavano andando ad intaccare l’economia di queste famiglie.
Da questo, e dal fatto che si trovi alla fine dell’inverno, molto probabilmente nasce l’appellativo di “amaro”.

Febbraio è un mese “corto”

Febbraio si differenzia dagli altri mesi perché ha 28 giorni ed ogni 4 anni, il cosiddetto anno bisestile, di giorni ne ha 29.
Questa particolarità trova una spiegazione durante l’epoca romana, esattamente nel corso del regno di Numa Pompilio. Febbraio era l’ultimo mese dell’anno, composto da 29 giorni e ogni quattro anni da 30. Successivamente, nell’8 a.C. il Senato cambiò l’ordine e il nome di diversi mesi per dedicarli a personalità storiche importanti:

  •  il nome Augustus (Agosto) al mese di Sextilis che aveva 30 giorni, per onorare uno dei più importanti e famosi imperatori che Roma abbia mai avuto: Ottaviano Augusto;
  • mentre prima di Agosto c’era Julis (Luglio), cosi denominato in onore di Giulio Cesare.

Il mese era però di 31 giorni e per non creare disparità tra le due eccezionali figure, Febbraio fu privato di un giorno, così da scendere da 29 a 28 giorni e da 30 a 29 ogni 4 anni.

A proposito del significato dei mesi, il nome Febbraio ha origine da “februare”, ossia purificare, poiché è il mese delle purificazioni e probabilmente creato in nome di Febronia, dea considerata protettrici delle febbri.

Cos’è l’anno bisestile?

L’anno bisestile, invece, ha una spiegazione astronomica precisa: la terra per compiere un giro completo attorno al sole impiega 365 giorni e 6 ore. Un anno solare è quindi di 365 giorni ma vi sono 6 ore in eccesso che per tale ragione ogni 4 anni danno vita a un altro giorno che si aggiunge al mese più corto in assoluto, appunto febbraio.

Silvia Arpaio
Silvia Arpaio
Curiosa e osservatrice, costantemente alla ricerca di una nuvola dove perdermi con i pensieri. Credo nel potere di un sorriso, sincero e forte, che può cambiarti il corso di una giornata, o di una vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *