Il giorno della Candelora | 2 Febbraio
2 Febbraio 2018
La Festa del Gatto
17 Febbraio 2018

Cosa si festeggia il 14 Febbraio?

Il 14 febbraio è il giorno dedicato all’amore e agli innamorati.
Ad oggi viene considerata una festa consumistica, dove orde di giovani e non, prenotano cene ai ristoranti, comprano regali per compiacere il proprio amato/a, spesso solo perché costretti dal dovere di festeggiare.
Ma qual è realmente l’origine di questa ricorrenza? Si dice che affondi le radici nella persecuzione pagana subita da San Valentino, che fin dalla sua giovinezza, predicava il vangelo e non si è mai piegato alla volontà altrui di convertirsi al paganesimo.

Proprio per questo dualismo pagano/cristiano la stessa Chiesa cattolica ha tolto dal suo calendario la Festa di San Valentino, ritenendola non essenziale ai fini religiosi.

 La storia di San Valentino

Ci sono controverse versioni che riguardano la storia di San Valentino, a partire dalla sua morte, infatti c’è chi sostiene che sia stato ucciso all’età di 20 e chi invece dice che sia stato giustiziato a 95 anni, nelle vesti di Vescovo di Terni.
La sua colpa sarebbe stata quella di aver celebrato il matrimonio tra la cristiana Serapia e il legionario romano Sabino, che invece era pagano, nonostante l’unione fosse ostacolata dalla famiglia della ragazza. La giovane era gravemente ammalata e Valentino la raggiunse al capezzale dove battezzò i due giovani e poco dopo averli uniti in matrimonio, entrambi gli innamorati morirono.

Un’altra tradizione racconta, invece, che l’origine sia legata alla sostituzione del rito pagano dedicato al dio della fertilità Luperco. Il rito aveva luogo nel mese di febbraio e ci si lasciava andare a festeggiamenti sfrenati, apertamente in contrasto con l’idea dell’amore e la morale cristiana. Addirittura le matrone romane si offrivano, spontaneamente e per strada, a ricevere le frustate di un gruppo di giovani nudi, devoti al selvatico Fauno Luperco. Non si tiravano indietro persino le donne incinta, convinte che il rituale fosse benefico per la nascita dei figli. Nel 496 Papa Gelasio I si servì dell’immagine di Valentino per sostituire il rito pagano difforme dal cristianesimo, spostandola al giorno precedente, il 14 febbraio: proprio la data, appunto, in cui si celebrava San Valentino: il patrono degli innamorati.

Gli episodi legati al Santo

Ci sono diverse storie che rafforzano l’idea che Valentino sia davvero il protettore degli innamorati.
Una racconta che Valentino fermò una discussione tra due fidanzati offrendo una rosa del proprio giardino.
Oppure si narra che il Santo benedisse le coppie di passaggio a Terni e, per miracolo, sulle loro teste apparissero colombe bianche a significare pace.
Una versione più umana di Valentino ci viene restituita dalla storia in cui lo vede incarcerato per via della sua fede, qui si invaghì di una giovane cieca e, prima che lo decapitassero, le donò la vista per miracolo, in preghiera e con amore infinito.

Il patrono di Terni

Oltre a proteggere gli Innamorati è anche il Patrono della città di Terni.
Infatti ogni anno al Santo vengono dedicate celebrazioni religiose ed eventi culturali per far conoscere ai visitatori la propria storia e origine. Mischiando cosi sacro e profano..

 ..sempre con amore.

Silvia Arpaio
Silvia Arpaio
Curiosa e osservatrice, costantemente alla ricerca di una nuvola dove perdermi con i pensieri. Credo nel potere di un sorriso, sincero e forte, che può cambiarti il corso di una giornata, o di una vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *